Contest letterario

Buongiorno,

vi segnalo in contest letterario sulla pagina Facebook “VCUC”.

Si tratta di un concorso a tema (uno diverso ogni mese), completamente gratuito, attraverso il quale si possono far leggere i propri racconti ad altre persone, ricevere commenti e suggerimenti.

Ho già partecipato in passato a concorsi simili e devo dire che l’ho trovato molto utile. Vi incollo sotto le istruzioni.

CONCORSO LETTERARIO VCUC: In mille parole #1

Buongiorno a tutti!
Questo post è indirizzato a tutti gli autori che hanno voglia di mettersi alla prova e che sono pronti a cogliere ogni occasione per scrivere e farsi leggere. Che cosa voglio proporvi? Un bel concorso letterario!

Riprendendo una meravigliosa idea (ormai abbandonata) di un gruppo di cui faccio parte, noi di VCUC abbiamo deciso di organizzare un concorso per racconti brevi a tema, al quale possono partecipare autori emergenti e scrittori dilettanti.


ISTRUZIONI

  • Ogni mese scegliamo un tema, sul quale il racconto dovrà basarsi.
  • La lunghezza massima consentita per ogni racconto è di mille parole.
  • Avete due settimane di tempo per consegnare il racconto.
  • Quando viene pubblicato il post con il tema del mese dovete iscrivervi al concorso, commentando il post sul blog con il vostro nome.
  • Una volta iscritti, verrete aggiunti nell’apposito gruppo Facebook (gruppo aperto).
  • I racconti dovono essere inviati a vuoiconoscereuncasino@yahoo.com in formato doc/odt.
  • I racconti vengono pubblicati dalla sottoscritta (Alex Astrid) nel sopracitato gruppo Facebook, come file non modificabili.
  • Ogni autore partecipante deve condividere il racconto di un altro autore (a sua scelta) al di fuori del gruppo, sul proprio profilo.
  • L’iscrizione non è vincolante: potrete ritirarvi anche all’ultimo minuto.
  • I racconti vengono valutati da una giuria di 4 elementi: un membro di VCUC, due blogger esterne (Francesca di Libri, libretti, libracci e Simona de Il mondo di SimiS) e un lettore “comune”.
  • Ogni mese il quarto giudice (il lettore) viene scelto a estrazione tra i candidati sotto l’apposito post sulla nostra pagina Facebook.
  • VCUC e le altre due blogger valutano ogni racconto con voti da 1 a 10 per forma, stile, trama, messaggio. Il lettore “comune” ha a sua disposizione un bonus di 5 punti che può assegnare al testo che ritiene essere il migliore, per confermare o ribaltare la classifica.
  • Non esiste alcuna quota di iscrizione, la partecipazione è gratuita; è però obbligatorio seguire i blog della giuria (per VCUC e Libri, libretti, libracci: inserite la vostra mail nella newsletter che trovate in fondo alla pagina; per Il mondo di SimiS: cliccate “segui” per diventare followers). Gli autori sono liberi di versare o meno un contributo nel nostro crowdfunding (QUI), iscrivendosi anche eventualmente alla nostra associazione culturale.
    PREMIO

Cosa riceverà in premio il vincitore del concorso?
Il racconto verrà condiviso sui tre blog della giuria, i quali segnaleranno inoltre le opere pubblicate dall’autore vincitore. VCUC leggerà il testo durante la trasmissione VCUC on air su Radio People Italy e Radio Beat Music. La lettura del testo verrà inoltre caricata su IGTV e YouTube.


TEMA #1 – OTTOBRE

Il tema che abbiamo scelto per la prima edizione di “In mille parole” è… l’infanzia. Cari autori, per partecipare dovrete scrivere un racconto sulla vostra o altrui infanzia, un racconto per bambini, una breve avventura o una storia appartenente a qualunque genere (anche un horror, volendo) che riguardi però i bambini. 

Avete tempo da oggi (24 ottobre) fino a venerdì 8 novembre per consegnare il racconto.


“Blog e autore. La mia verità sul mondo social” di Tiziana Cazziero

L’autrice, con alle spalle numerose pubblicazioni e blogger di lungo corso, con questo manuale si rivolge a tutti gli autori emergenti che sono alle prese con la promozione del proprio libro.

A tale scopo, mette a disposizione l’esperienza accumulata in questo settore sia dal punto di vista tecnico sia sotto forma delle molte iniziative messe in campo sui social e come blogger per promuovere le sue opere.

Si tratta di attività indispensabili visto che quando, dopo un lungo lavoro, riusciamo a pubblicare un libro che magari sarà reperibile su numerosi store online, in realtà questo non si può considerare un punto di arrivo ma di partenza. Infatti, anche se non abbiamo pubblicato in self, difficilmente una piccola casa editrice si farà carico della promozione del nostro libro che dovremo gestire personalmente, dedicandogli energie e molto tempo.

Per trovare una casa casa editrice che faccia al caso nostro, una volta evitate in modo deciso quelle a pagamento, bisogna dedicarsi ad una ricerca sul web per individuarne qualcuna seria, e che pubblichi il genere del libro in questione. Una volta fatta una selezione, bisogna mandare il manoscritto o parte di esso ad una decina di queste e attende le risposte.

Ricevere dei no è sempre possibile, ma questo non ci deve fermare.

È importante visionare in modo costante il sito della casa editrice per verificare che seguono gli autori pubblicati, se i loro libri siano presenti nei principali store online e nelle librerie fisiche.

Sarebbe anche utile dare un’occhiata a testi già pubblicati per verificare la presenza di refusi, sinonimo di sciatteria e poca professionalità.

Per trovare case editrici è importante anche partecipare a concorsi letterari con in palio pubblicazioni.

Nel testo viene messo in rilievo anche l’importanza dell’autopromozione. Infatti non solo è necessario promuovere il libro ma anche sé stessi, farsi conoscere, operare sul web.

A questo scopo l’autrice consiglia di aprire un blog, un sito, di fare recensioni, creare pagine di incontro online. Aprire diversi profili social, essere presenti nelle discussioni con interventi che suscitino interesse.

Ma anche contattare persone, farsi fare recensioni, farsi intervistare, darsi molto da fare, mettendo in campo anche un pizzico di creatività.

Nella seconda parte, l’autrice racconta l’esperienza del gruppo Facebook “I nostri ebook- parliamone” che ha aperto nel 2014 per parlare dei suoi scritti, di come sia cresciuto, facendo fare presentazioni in diretta di autori tramite interviste.

Infine parla del blog per promuovere il libro che aveva pubblicato. Comincia a leggere e recensire autori emergenti, li promuove anche tramite interviste. Sottolinea l’importanza di avere un blog che in pratica è un diario pubblico a cui tutti possono accedere e scoprire qualcosa di te. Richiede tempo perché bisogna aggiornarlo, ma se siamo motivati lo consiglia a tutti.

Questo e molto altro troviamo in questo testo breve ma farcito di numerosi consigli pratici su come promuoversi sul web e anche fuori da esso.

La conclusione dell’autrice è che la promozione vada fatta in modo serio e costante e che, per ottenere risultati, ci vuole tempo e grande pazienza.