La maestra Candida e la migliore delle scuole possibili (Seconda parte)

Le maestre si erano fatte l’idea che i professori avessero paura di mettersi in gioco e volessero mantenere sempre la loro puzza sotto il naso. Ma alla fine, dicevano, anche loro farebbero meglio a scendere dal piedistallo. A questo proposito, la maestra Maria, una delle veterane della scuola, nonché tra le più fedeli seguaci del Senza Soma, raccontò un episodio che era accaduto l’anno precedente:

“Un bambino di nome Carlo aveva finito la quinta elementare e aveva cominciato la scuola media. Come molti altri, i suoi genitori si erano separati e lui soffriva molto di questa separazione, anche perché sia la madre che il padre si erano rifatti una nuova vita e lui aveva la sensazione di essere messo in secondo piano rispetto ai fratelli più piccoli. A volte in classe faceva commenti inopportuni verso i compagni ma tutto sommato, almeno alla primaria, ci sembravano comportamenti che rientravano nella normalità. Verso la metà dello scorso anno, parlando con alcuni insegnanti delle medie, venne fuori che Carlo aveva cominciato a prendere in giro pesantemente un nuovo compagno che era stato inserito da poco nella classe, in quanto proveniente da un’altra provincia. Questi era un po’ grassottello e goffo e pare che Carlo avesse trascinato con sé anche diversi bambini della classe per cui si era creata una situazione quasi di persecuzione nei confronti del nuovo arrivato.

Ora, a parte che non mi capacito di come un bambino tutto sommato corretto come Carlo possa arrivare a tanto, ma penso che il motivo sia da ricercare nell’ impostazione rigida dei professori, i quali non hanno saputo creare il clima giusto per una corretta convivenza.

Tra l’altro io sono rimasta in buoni rapporti con Carlo. Pensa che un giorno mi ha mandato una foto di una nota che gli aveva fatto uno degli insegnanti meno sensibili e, pensa un po’, la nota conteneva un errore ortografico!

Durante una riunione con i docenti delle medie, non ho potuto fare a meno di farlo notare e loro si sono scandalizzati del comportamento del loro alunno, affermando tra l’altro, che non era possibile che il loro collega avesse fatto un errore di ortografia. Secondo qualcuno era più probabile che fosse stato Carlo a modificare il testo della nota per mettere in cattiva luce il troppo punitivo docente. Ma vi rendete conto? A che punto può arrivare la presunzione di questi professori?”

Candida aveva ascoltato con attenzione questo resoconto dell’accaduto. Si fidava di quello che diceva la maestra ma rimase un po’ perplessa sulla modalità con cui la foto era arrivata a lei. Questo episodio comunque non scalfì minimamente il suo ottimismo e si preparò a cominciare il nuovo anno scolastico, armata dei nuovi strumenti che gli aveva fornito il Senza Soma.

Il primo giorno di scuola della nuova era del suo insegnamento, entrò nell’ampio ingresso di una scuola di recente costruzione. La luce entrava copiosa dalle grandi vetrate, gli arredi e i colori creavano una sensazione di rilassamento e armonia. Fuori, un giardino ben curato rendeva gradevole la vista dalle finestre delle aule, oltre che piacevole giocare in mezzo al verde.

Le scuole scalcinate e spesso antiestetiche dove era stata fino ad ora, erano lontane anni luce.

A Carla era stata assegnata una seconda e una quinta, quindi due classi che già conoscevano il Senza Soma e per questo avrebbe e avuto il lavoro semplificato, pensando che si sarebbe dovuto inserire in un meccanismo già oliato.

Alla sua domanda se fossero presenti casi particolari, le colleghe risposero in maniera piuttosto evasiva, accennando solo ad alcuni bambini un po’ difficili, ma come ce ne erano in tutte le classi. Si soffermarono solo su due fratelli, di cui il maschio frequentava la seconda, che venivano da una famiglia molto numerosa e un po’ disagiata, non solo economicamente. Non avevano avuto una vera e propria educazione e talvolta erano difficili da gestire.

Ma con il metodo Senza Soma, le dissero, si poteva trovare una soluzione a questi problemi. Per esempio mettendolo a fare lavori o giochi alternativi alla didattica della classe. Entrambi i due fratelli comunque erano seguiti da un insegnante di sostegno molto esperta che le avrebbe fornito tutti i particolari e eventualmente dato qualche consiglio.

Ma era il momento di cominciare. La mattinata cominciava con un’adunata di tutti i bambini all’ ingresso della scuola, nello spazio chiamato Agorà, dove ogni mattina venivano lette alcune pagine di un libro che i bambini ascoltavano in religioso silenzio. Questo momento funzionava come camera di decompressione tra l’esterno e l’ingresso vero e proprio nella classe, dove molto gradualmente sarebbero cominciate le attività didattiche.

I primi giorni Candida lo dedicò alla conoscenza dei bambini e a creare un ambiente il più rilassato possibile, quindi senza troppe forzature, permettendo loro di sedersi dove preferivano. Dopo qualche settimana, cominciò a disporre i bambini intorno ai tavoli cercando di formare dei gruppi più o meno omogenei per poter lavorare per livelli, come veniva raccomandato dalle linee-guida del Senza Soma. Tutto sembrava svolgere in modo tranquillo ma notò che, quando voleva spostare gli alunni, qualcuno protestava e obbediva solo dopo che lei aveva insistito parecchio. Candida cercava di motivare sempre i suoi cambiamenti come si conviene ad un metodo che mette al centro il dialogo con i bambini e la collaborazione, ma non sempre le argomentazioni risultavano efficaci.

Ma Candida era convinta della bontà del modello che aveva svelto e pensava che con il tempo sarebbe stata in grado di comunicare in modo più efficace, applicando al meglio il Senza Soma per il bene dei bambini.

Dopo alcune settimane ebbe anche la sensazione che gli alunni che si trovava davanti fossero meno empatici rispetto ad altri avuti nel passato, nonostante il metodo di insegnamento fosse più tradizionale e quindi più gravoso per loro. Ma cercò di cacciare subito questa impressione, attribuendola al fatto che ancora non la conoscevano bene e magari si erano affezionati alla maestra dello scorso anno che si era trasferita altrove.

Del resto si trovava nella migliore delle scuole possibili.

Con il passare del tempo, cominciarono ad emergere alcuni casi particolari. Il primo a farsi notare fu Marco, il bambino appartenente alla famiglia disagiata, il quale era molto affettuoso e anche voglioso di fare bella figura con le maestre, ma aveva evidenti difficoltà di apprendimento, che frustravano i suoi tentativi. Inoltre, aveva anche momenti in cui diventava poco gestibile in classe e chiedeva in continuazione di uscire.

Candida si era consultata con l’insegnante di sostegno, una signora molto disponibile e con un grande bagaglio di esperienze, con cui avevano studiato alcune strategie per permettere a Marco di rimanere in classe, magari svolgendo attività alternative. Quindi, aiutato a turno anche da qualche suo compagno, gli venivano proposti alcuni giochi presenti negli angoli della classe, in cui doveva fare più un’attività manipolativa, che lo stancata meno rispetto a quello della classe. Se seguito da un insegnante, Matteo svolgeva con piacere queste attività e dimostrava di ricercare sempre il rapporto con l’adulto.

Ma quando non era possibile seguirlo individualmente perché non era presente la maestra di sostegno e la maestra della classe doveva seguire gli altri, dopo poco smetteva di fare ogni attività anche la più semplice. Anche quando venivano svolte attività comuni a tutta la classe più laboratoriali, come semplici attività musicali o artistiche o di movimento, Marco non riusciva ad interagire correttamente con i compagni e prima o poi finiva col dire o fare qualcosa che urtava la sensibilità degli altri e talvolta finivano a male parole, se non a botte.

Ma nonostante questi problemi, Marco dimostrava di essere un bambino buono che, con l’intervento dell’ adulto, riusciva a ragionare e a comportarsi meglio. Almeno fino all’ episodio successivo.

Non era però l’unico caso particolare.

Nella classe di Matteo, la più problematica, c’era anche Sara, una bambina che aveva sempre l’aria un po’ insofferente e sembrava non trovarsi a suo agio in classe. Sara aveva espressivi occhi neri che distoglieva non appena cercavi di entrare in relazione con lei. Non aveva alcuna problematica particolare ma sembrava vivere un disagio che forse le veniva dalla famiglia, anche nel suo caso numerosa. Al contrario di Marco, lei era sempre pulita e vestita nel migliore dei modi, talvolta addirittura era venuta a scuola con un po’ di trucco sugli occhi.

La madre, interrogata al riguardo, si era giustificata dicendo che una mattina Sara si era introdotta in camera sua e aveva usato i suoi trucchi. Era quasi l’ora del pulmino e non aveva fatto in tempo a ripulirle il viso. Probabilmente era piuttosto abile a scivolare in camera della madre proprio a ridosso dell’ ora di partenza, visto che il trucco sul viso era comparso più di una volta.

Rimase invece sorpresa della presunta irrequietezza della figlia, affermando che a casa era sempre serena e tranquilla e non aveva mai riscontrato problemi con le sorelle più grandi né con il fratello più piccolo.

La maestra di sostegno della classe disse invece a Candida che qualche volta Sara si era lamentata del fatto che a casa non la considerasse nessuno e spesso litigasse con le sorelle. Era difficile sapere a che punto si trovasse la verità ma spesso i bambini si esprimono senza troppi filtri. Probabilmente Sara aveva un carattere molto forte e mal tollerava questa situazione domestica che comunque era comune a molte famiglie numerose.

Durante l’anno, la bambina talvolta discuteva con le compagne e ogni tanto rispondeva male anche alle maestre. Candida sperava con il tempo di riuscire ad entrare in sintonia con lei, magari lasciandole più spazio, rispetto agli altri. Ma più spazio le veniva concesso, più se ne prendeva. Verso metà anno cominciò ad uscire dalla classe sempre più spesso, senza controllare se il semaforo fosse verde e cominciò a trattenersi in bagno sempre di più a lungo, al punto che ogni tanto la maestra la doveva andare a cercare. A volte trovava qualche altro bambino problematico di altre classi e si intratteneva con loro, ritardando sempre di più il momento di tornare in classe. Era diventato difficile gestirla e, quando non c’era la compresenza della insegnante di sostegno, Candida aveva difficoltà a gestire la situazione, dovendo anche seguire gli altri bambini. Tra l’altro c’era sempre Marco che, se preso da solo, si riusciva a trovare il modo di ammansirlo ma se trovava una sponda diventava molto difficile addomesticarlo.

Ma non era finita qui. Un altro bambino aveva attirato l’attenzione della maestra fin dall’ inizio a causa del suo sguardo triste e duro insieme. Si trattava di Gabriele, un bambino adottato che sembrava portare su di sé tutte le ferite del periodo trascorso nella casa famiglia. Per tutto il primo mese, non creò grossi problemi, anzi sembrava fare un grosso sforzo per impegnarsi e lavorare come tutti gli altri. Ma, nonostante le maestre cercassero di aiutarlo e sostenerlo quando si trovava in difficoltà, ad un certo punto cominciò a vivere il fatto di non riuscire a stare al passo con gli altri come un fallimento e manifestò segni di irrequietezza sempre maggiori.

Non riusciva ad interagire bene con i suoi compagni con i quali aveva un rapporto conflittuale, a parte con un bambino più debole caratterialmente che sembrava subire la sua personalità e che acconsentiva a tutte le sue richieste, costringendolo ad avere a che fare solo con lui, escludendo completamente gli altri.

Con il tempo anche lui tendeva ad uscire sempre più spesso e, approfittando dei momenti meno strutturati, che erano numerosi nella scuola Senza Soma, tendeva ad allontanarsi dalla sua classe e a vagare per la scuola, portandosi dietro anche Sara e Marco che non aspettavano altro.

Candida sentì che la situazione le stava sfuggendo di mano e non capiva come mai in altre scuole non si fosse mai trovata ad avere a che fare con casi così poco gestibili. Tra l’altro il modello Senza Soma doveva garantire una situazione di benessere per tutti i bambini, grazie alla personalizzazione degli apprendimenti, all’accoglienza, al dialogo. Forse non aveva recepito bene le indicazioni del Senza Soma, oppure era stata solo sfortunata ed aveva trovato elementi particolarmente difficili? Non riusciva a darsi una spiegazione.

Quando aveva consultato la collega di matematica che condivideva con lei le due classi, si era sentita ribadire i principi che già conosceva. Le aveva chiesto se anche lei avesse riscontrato gli stessi problemi e la risposta era stata negativa: erano bambini con qualche difficoltà ma si potevano gestire, nessuna situazione veramente difficile.

Giunse allora alla conclusione che il problema era lei è la sua scarsa esperienza o incapacità di entrare nei meccanismi del Senza Soma.

La collega di sostegno vedendola che si stava abbattendo sempre di più cercò di sostenerla e darle una mano:

“È vero che queste situazioni sono esplose quest’anno, ma erano presenti tutte le condizioni perché questo accadesse. I bambini in questione hanno sicuramente dei problemi, chi più chi meno, ma in questo caso il fatto di non avere delle regole ferme ha fatto sì che diventassero sempre più privi di controllo con il risultato che abbiamo oggi”

In realtà le norme di comportamento venivano fornite ai bambini, anzi venivano scritte con loro in modo che fossero maggiormente condivise, ma non esistevano vere e proprie sanzioni se qualcuno non le rispettava, a parte punizioni molto blande ed evidentemente non adeguate in questi casi limite.

Intanto il malessere di Candida aumentava sempre di più. Da qualche tempo dormiva male la notte, svegliandosi spesso in preda all’ansia di doversi recare sul posto di lavoro la mattina successiva. Ad un certo punto cominciò ad avere giramenti di testa che si manifestavano quando la giornata a scuola era stata particolarmente difficile. Prima di andare a casa doveva sedersi su una sedia e cercare di riprendersi perché il rischio di cadere era molto concreto.

Un giorno in cui la situazione era stata particolarmente esasperante, tornò a casa e andò a controllare se i termini per la richiesta di trasferimento fossero scaduti.

Per fortuna mancava ancora qualche giorno ma doveva affrettarsi. Si sedette davanti al computer e non si alzò fino al quando la richiesta non ebbe esito positivo.

Aveva indicato molte scuole, anche distanti, pur di essere sicura che glielo avrebbero concesso.

Annunci

2 pensieri su “La maestra Candida e la migliore delle scuole possibili (Seconda parte)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...